Si dice sempre di spendere 1 nell’RTX e 10 nell’antenna…

…Ed ho finalmente deciso di far mio questo saggio adagio….

IMG_20131129_105230

Non è stato banale accettare di liberarsi della Fida “Patriot” (Hy-gain AV-640) fedele ed efficiente compagna della mia sporadica attività….. Anche se la discreta verticale in pochi giorni di effettiva attività mi ha consentito di esorbitare la quota richesta per l’ingresso al “Century Club”, le ultime sessioni di attività mi hanno persuaso che tutto sommato era tempo di compiere un passo…. e fra potenza e performance del Parco Antenne, non ho avuto dubbi a optare di agire su quest’ultimo….

Nulla di quanto vedete nelle immagini sarebbe stato possibile senza il provvido aiuto e la consolidata esperienza dell’amico Marco IK4DCX il quale è stato in grado, con disinvoltura, di far su un accrocchio che andava molto oltre i miei sogni più ambiziosi, con materiale pressochè tutto di risulta. IMG_20131122_112405

Dal traliccio milag di generose dimensioni, modificato per l’uso con carrello e interamente rizincato a nuovo, alla realizzazione ex novo su misura del carrello e del carrellino intermedio per il terzo ordine di tirantatura, alla realizzazione della piastra portarotore, al reperimento di materiali a costo accessibile sul mercato dell’usato, un bel rotore HAM IV, una favolosa Ultrabeam 3 el. 6-20 I serie + Kit 6m, nuova inscatolata mai installata, un bel dipolo rigido PKW per i 30m rilucidato a nuovo, una piccola bibanda VHF-UHF recuperata dalla precedente installazione, e una costruenda Morgain 40-80 mi consentiranno finalmente tutte le desiderate e necessarie incursioni nel plan compreso fra 80 metri e 70 cm, senza soluzione di continuo, eccezion fatta per i 4 metri… Il tutto ancorato in termini ineccepibili di solidità alla insegna della massima sicurezza…. 125 metri di coassiale, 150 metri di Bayco 6 mm. centinaia di parti in inox, cavi per i controller e percorsi per l’insieme,  per un impegno economico davvero importante ma che mi ha permesso di realizzare il sogno di una vita.

Nulla di ciò sarebbe stato possibile con le mie abilità. In questo senso non posso non esprimere la mia grande gratitudine a Marco IK4DCX che si è fatto interamente carico della onerosa e ambiziosa realizzazione operando in condizioni meteo assolutamente proibitive per noi umani…   il tutto per la gioia dei miei occhi…. ma un cazzotto per quelli dei vicini….

In questo senso malumori si sono manifestati già alla installazione della prima sezione del traliccio per trasformarsi in apparente prostrazione man mano che la costruzione progrediva…. ma questa è già un’altra storia di cui mi occuperò con calma.

Ora la mia trepidazione è tutta per le prime prove…

A sentirci

IZ4RTB

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *